Formula Ambiente: un anno di grandi cambiamenti

Si è svolta mercoledì 7 luglio online l’assemblea di Consorzio Cfa Società Cooperativa Sociale e della sua controllata Formula Ambiente Spa.

La realtà con sede principale a Cesena e sede secondaria a Cagliari si occupa prevalentemente della raccolta dei rifiuti urbani in molti comuni della penisola.
L’ anno appena trascorso ha visto compiersi un passaggio importante: il primo marzo 2020, infatti, si è provveduto a conferire nella Società controllata Formula Ambiente S.p.a. tutta l’attività di igiene urbana e servizi complementari svolta con personale proprio, lasciando nel Consorzio solo i servizi svolti dalle imprese associate, oltre ad affittare alla stessa controllata Formula Ambiente S.p.a. il settore di manutenzione aree verdi.
Per questo passaggio (straordinario) il Consorzio ha subito una riduzione del proprio fatturato. Nonostante ciò, il Consorzio, rimane titolare di diversi contratti di raccolta e trasporto rifiuti con durata pluriennale che permettono una marginalità che consente di coprire ampiamente i costi generali garantendone così la continuità aziendale a lungo termine.

Formula Ambiente Spa, e i suoi 925 lavoratori, hanno generato nel 2020 un fatturato di 62 milioni di euro per un risultato di esercizio di 1 milione di euro.

Il Consorzio Cfa ha fatturato 55 milioni (i dati vanno interpretati considerando che il 2020 è stato un anno promiscuo, dovuto appunto al conferimento sopra descritto), con una plusvalenza da conferimento di quasi 4 milioni, un utile di esercizio di 3 milioni di euro al netto di accantonamenti e svalutazioni per circa euro 700mila.
Nel corso dell’anno 2020 le associate al consorzio hanno fornito a quest’ultimo prestazioni per 35 milioni.

“L’anno che abbiamo chiuso – dichiara Marcello Rosetti, direttore generale di Formula Ambiente – ha visto un grande cambiamento di assetto. Formula Ambiente opera con successo in sempre più territori e la sua efficienza nel fornire servizi fondamentali per la salute delle persone e il decoro delle città viene sempre più premiata. Il passaggio che abbiamo compiuto nel 2020 ci servirà per essere ancora più reattivi ai cambiamenti che ci vengono richiesti e per fornire servizi ancora più performanti e al passo coi tempi”.

Centro del Riuso di Montesilvano: ritiro gratuito e nuovo sito web

Il nuovo Centro del Riuso di Montesilvano, inaugurato nel mese di aprile è ora a pieno regime. I cittadini di Montesilvano hanno portato al Centro oltre un centinaio di oggetti per dare loro una seconda vita. Da oggi è anche possibile ritirare, per i residenti a Montesilvano, gli oggetti che sono stati depositati e per visionare l’intero archivio è sufficiente cliccare su https://formulariuso.it/centri-di-riuso/montesilvano/

Formula Ambiente, che con Sapi a Montesilvano è incaricata della raccolta dei rifiuti e della gestione del Centro del Riuso, ha infatti creato un sito dedicato all’archiviazione dei materiali che sono arrivati al Centro. Gli oggetti, fotografati e descritti, ora sono visibili da chiunque e basta un click per prenotarne il ritiro.

“Con l’entrata a regime del Centro del Riuso si conclude un percorso per la prevenzione della produzione dei rifiuti – spiega il vice sindaco e assessore all’Igiene urbana Paolo Cilli -, contrastando così la cultura dell’usa e getta e sostenendo la diffusione di una cultura del riuso dei beni basata su principi di tutela ambientale e di solidarietà sociale. Il nuovo sito internet favorirà inoltre la promozione del reimpiego e il riutilizzo dei beni usati, prolungando il ciclo di vita oltre le necessità del primo utilizzatore, in modo da ridurre la quantità di rifiuti da avviare a trattamento e smaltimento”.

Tra gli oggetti finora disponibili molti libri, accessori, abbigliamento e tantissimi libri nuovi e vintage. Il Centro del Riuso di via Nilo (zona Unicentro) a Montesilvano è aperto per il ritiro dei materiali prenotati il lunedì e giovedì dalle 15 alle 18 e il sabato dalle 9.30 alle 12.30 per la consegna il martedì dalle 15 alle 18, il mercoledì e il venerdì dalle 9.30 alle 12.30

 Sia il ritiro che la consegna degli oggetti sono completamente gratuiti e consentiti solo agli abitanti di Montesilvano. Per il ritiro degli oggetti è necessaria la prenotazione attraverso il sito web.

Concorso “Uno slogan eccezionale per l’economia circolare”: premiate le tre classi vincitrici con un tablet ciascuna

Un progetto del Comune di Pomezia, Formula Ambiente e Cns sulle buone pratiche per la riduzione dei rifiuti

Sono state premiate questa mattina le tre classi vincitrici del concorso “Uno slogan eccezionale per l’economia circolare” indetto dal Comune di Pomezia in collaborazione con Formula Ambiente e Consorzio nazionale servizi.

Si tratta della 2 F e della 5 A della scuola primaria Trilussa del Circolo didattico Matteotti di Pomezia e della 5 C della scuola primaria Martin Pescatore dell’Istituto comprensivo Enea di Torvaianica. Gli slogan vincitori, decretati dalle votazioni online, sono stati rispettivamente: “Giro giro tondo tutti giù per terra a ripulire il mondo”, “Se non vuoi inquinare, inizia a riciclare”, “Ricicli….amo non abbandonare i rifiuti ricicliamoli per un mondo migliore”.

A consegnare i tablet in palio, uno per ogni classe, il Sindaco Andrea Zuccalà, gli Assessori  Miriam Delvecchio e Stefano Ielmini e l’ing. Francesca Leo responsabile del Lazio per Formula Ambiente. La premiazione di oggi conclude un percorso che Formula Ambiente ha condotto, attraverso Achab Group, con gli insegnanti delle scuole della Città sull’economia circolare e l’importanza di ridurre la produzione di rifiuti e di riciclare nella corretta maniera.

“Con Formula Ambiente in questi anni abbiamo messo in campo diverse attività per promuovere una cultura che salvaguardi l’ambiente in cui viviamo – dichiarano gli Assessori Delvecchio e Ielmini – Ringraziamo insegnanti e studenti che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa preparando tanti slogan originali e d’effetto. La strada è ancora lunga, ma siamo consapevoli di aver avviato un percorso virtuoso nella giusta direzione”.

“I ragazzi che abbiamo premiato oggi – aggiunge il Primo Cittadino – dimostrano grande sensibilità verso i temi ambientali e sono consapevoli, nonostante la giovane età, della responsabilità che hanno i loro comportamenti quotidiani per il futuro del nostro pianeta. Premiare loro è stato come scommettere sul futuro: un’azione doverosa ma mai scontata”.

Un video per raccogliere le foto migliori

A Sestu è nato il progetto #SestuACasaTua: l’originale campagna che non ha mostrato la città bella e ordinata da cartolina ma ha incorniciato in “scioccanti” istantanee l’abbandono dei rifiuti.

Da quegli scatti (vedi altro articolo) ne è anche nato un video:

autrice degli scatti del degrado l’ex assessora all’ambiente Lia Sechi

A SESTU NASCE UN’ORIGINALE CAMPAGNA CONTRO L’ABBANDONO DEI RIFIUTI

autrice degli scatti del degrado l’ex assessora all’ambiente Lia Sechi

Nasce a Sestu (Cagliari) l’originale campagna che non mostra la città bella e ordinata da cartolina ma incornicia in “scioccanti” istantanee l’abbandono dei rifiuti, il tutto accompagnato dall’hastag #SestuACasaTua.

Quello dell’abbandono selvaggio dei rifiuti è un problema generale che, ovviamente e purtroppo, non riguarda solo Sestu, però nel comune del primo entroterra cagliaritano lo si è affrontato con un approccio singolare: l’ex assessora all’ambiente ingegner Lia Sechi ha personalmente immortalato le micro e macro discariche che continuamente vengono monitorate dal suo assessorato e che vengono poi ripulite e i cui autori vengono puntualmente sanzionati.

Nasce così una carrellata di scatti curati nella forma, esteticamente raffinati ma brutali nel soggetto (divani abbandonati, materassi sventrati o sacchetti lasciati nell’erba alta) dove in primo piano campeggia la scritta “a casa tua fai così?” e l’hastag, che chiunque può usare nei propri account social per contribuire a popolare questa galleria, #SestuACasaTua.

L’idea nasce dall’ex assessora che quotidianamente, con la sua delega per l’amministrazione comunale di Sestu, ha combattuto contro questa piaga e lo ha fa assieme a Compagnia Barracellare, Polizia Locale e CNS con Formula Ambiente.

“Abbiamo lanciato questa campagna – dichiara Lia Sechi – per mostrare quanto un gesto, all’apparenza banale, può recare danno e creare degrado. Vogliamo far sentire i nostri concittadini orgogliosi del luogo in cui vivono e vorremmo che ciascuno di sentisse responsabilizzato nei confronti del proprio ambiente, che lo sentisse quindi come la propria casa. Il rispetto verso l’ambiente che ci circonda, nasce solo nel momento in cui un determinato posto lo sentiamo davvero nostro, #sestucasatua non è un concetto astratto, ma è la semplice realtà.”

Nico Campitelli, assessore regionale all’ambiente, visita la sede di Formula Ambiente a Chieti

con Campitelli, l’assessore all’ambiente di Chieti Alessandro Bevilacqua

Si è svolta oggi, 10 settembre, la visita dell’assessore regionale all’ambiente Nico Campitelli alla sede di Formula Ambiente in via Aterno a Chieti, ad accompagnarlo l’assessore all’ambiente di Chieti Alessandro Bevilacqua.

La visita è stata l’occasione per mostrare agli assessori il moderno parco mezzi utilizzato per la raccolta, il centro di raccolta che serve la città e il territorio vicino, condividere con loro i numerosi progetti che sono stati e verranno messi in campo, da parte di Formula Ambiente in collaborazione con il Comune, nell’ambito della diffusione della consapevolezza ambientale.
Sì è inoltre parlato della situazione impiantistica in Abruzzo e dei progetti in corso d’opera.

Formula Ambiente: una nuova casa per un’azienda sempre più sarda

Sestu (24/7/2020): Ha inaugurato giovedì 23 luglio la nuova sede cagliaritana di Formula Ambiente, un centro direzionale di mille metri quadrati per una realtà che è sempre più sarda.

Formula Ambiente, l’azienda con sede a Cesena che si occupa di raccolta dei rifiuti, ha inaugurato giovedì 23 luglio la nuova sede a Sestu, nel cagliaritano. Più di mille metri quadrati che ospiteranno quaranta dipendenti e ottomila metri quadrati di piazzale per i mezzi.

Sono 108 i comuni sardi, alcuni dei quali turistici, serviti da Formula Ambiente in Sardegna, per circa 220 mila abitanti. La raccolta differenziata, in questi territorio raggiunge mediamente l’80%, un valore che ha picchi prestigiosi e che ha portato a Tortolì nel 2018 e alla Comunità Montana Gennargentu Mandrolisai nel 2019 il titolo di Comune Riciclone.

Formula Ambiente lavora in regione dal 2011, dove fattura dei circa 30 dei 90mil totali di fatturato. Negli scorsi mesi ha distribuito 30mila euro di buoni spesa come contributo ai propri lavoratori che hanno prestato servizio durante l’emergenza Covid-19, in pratica raddoppiando il contributo statale.
In regione operano quasi 500 mezzi di cui 22 spazzaneve. 

“Siamo ormai a tutti gli effetti un’azienda sardo-romagnola – ha affermato l’amministratore di Formula Ambiente SPA Marcello Rosetti. Ci sentiamo sardi e qui non abbiamo solo camion e operai mai anche molti ingegneri e tecnici molto capaci che si occupano delle nostre attività anche nel resto del Paese. Con questa sede stiamo restituendo a un territorio una parte di quello che questo territorio ci ha dato in questi anni”.

“Questa realtà che noi oggi festeggiamo serve un terzo dei comuni della regione – ha affermato Gianni Lampis, assessore alla difesa dell’ambiente – e ricopre un ruolo sociale fondamentale per la regione. Formula Ambiente dà lavoro in una terra che di lavoro ha bisogno e lo fa nell’ambito ambientale. La Sardegna ha l’obiettivo di raggiungere l’80% della raccolta differenziata e un attore fondamentale per questo obiettivo è proprio Formula Ambiente. Faccio pertanto i complimenti a Formula Ambiente per la sua determinazione e per il coraggio e voglio che sappiate che nel mio assessorato avete sicuramente un interlocutore consapevole”.

Lavoro fisico e affaticamento: uno studio per calcolarne la relazione

al via la sperimentazione sui volontari al lavoro a Novi Ligure

Formula Ambiente Spa, Università di Ferrara e Policlinico di Milano si alleano per dare un valore numerico alla fatica, i test partiranno a Novi Ligure a inizio luglio.

Cesena (18/06/2020): Parte uno studio – a cui parteciperanno l’Università di Ferrara Dipartimento di Scienze biomediche e chirurgico specialistiche – Sezione di Scienze Motorie, la Clinica del Lavoro “Luigi Devoto” di Milano e Formula Ambiente Spa (azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti in numerosi comuni d’Italia) – per calcolare in maniera oggettiva la fatica che comporta il lavoro di raccolta dei rifiuti Porta a Porta (PaP).

La raccolta dei rifiuti porta a porta si effettua ormai nel 64% dei comuni italiani (ISPRA 2017) e, anche se assicura una miglior differenziazione dei rifiuti,  comporta un peggioramento delle condizioni di rischio degli operatori. Prima infatti, con la raccolta stradale, le operazioni venivano eseguite quasi esclusivamente dalle macchine, ora la componente manuale è tornata ad essere preponderante.

Nello specifico del lavoro dell’addetto alla raccolta PaP, le azioni di traino e spinta dei contenitori  e il sollevamento dei mastelli creano una percentuale rilevante di infortuni sul lavoro che potrebbero essere limitati o eliminati se i turni e i percorsi venissero creati tenendo conto della “fatica” oggettiva che ogni percorso, nelle diverse stagioni, comporta.

Dal mese di Giugno e fino a luglio 2021, con questa inedita sperimentazione, si cercherà una correlazione fra i metodi previsti dalle norme (D.Lgs.81/08 e s.m.i) sulla Movimentazione Manuale dei Carichi, Sollevamento e Traino-spinta e gli indicatori di affaticamento fisico per meglio individuare i percorsi più idonei per gli operatori. Ciò permetterebbe di “calibrare” (anche modificandoli) gli itinerari di raccolta dei rifiuti per ogni lavoratore.

Inizialmente il test verrà effettuato sui lavoratori di Novi Ligure (tutti informati, volontari e con l’assenso dei sindacati di categoria) e successivamente verrà esportato negli altri luoghi dove Formula Ambiente opera. Ad ogni operatore verrà fornito un cardiofrequenzimetro da applicare al petto, non dissimile da quelli usati in attività sportiva, che indosserà per tutto il turno di lavoro.  Così facendo si raccoglieranno i dati del consumo di ossigeno, della frequenza cardiaca. Queste informazioni verranno confrontate a quelle del peso di ogni mastello o di bidone carrellato e la distanza cui deve essere trainato o spinto a mano dall’operatore (come previsto dal D.Lgs.81/08 e s.m.i).

Ambiente, sanificazione e ospitalità: prosegue il dialogo delle associazioni di Confindustria con il Parlamento. “Servono interventi strutturali per ripartire con meno burocrazia”

Cisambiente, ANIP-Confindustria, Confindustria Alberghi e il Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente On. Roberto Morassut unitamente ai rappresentanti parlamentari del Partito Democratico, On. Chiara Braga – Capogruppo PD in VIII Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera ha dichiarato quanto segue:

 “Le imprese di gestione dei servizi ambientali sono state fondamentali in questa prima fase dell’emergenza, svolgendo un compito importantissimo nella gestione dei rifiuti sanitari e nelle operazioni di sanificazione. Confermo che con il Decreto Semplificazione annunciato recentemente si lavorerà per il rilancio degli investimenti anche negli appalti di servizi, che peraltro sono parte preponderante degli appalti pubblici. Per quanto riguarda la sanificazione, oltre al credito d’imposta già previsto per questo tipo di attività, posso confermare che il PD si pone favorevolmente in ascolto degli operatori per interventi anche di natura legislativa al fine di aumentare qualità, sicurezza e diffusione degli interventi di sanificazione e di gestione dei rifiuti prodotti nell’emergenza. Inoltre, per quanto riguarda lo sblocco dei tempi di pagamento alle imprese il Governo è già intervenuto con una prima importante risposta e intende sostenere i Comuni con i primi 3 miliardi destinati agli enti locali; su richiesta del Pd è stato istituito un tavolo tecnico permanente Governo – Anci sulla finanza locale per costruire i prossimi passi”

 Il Presidente di Confindustria Cisambiente Marcello Rosetti conclude la mattinata  dichiarando, in merito alle problematiche ambientali, che: “nel corso dell’ incontro odierno l’Associazione, da me rappresentata, ha avuto modo di presentare agli esponenti del Governo e del Partito Democratico i grandi problemi ancora aperti che, a partire dai tempi dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni, dalla gestione dei DPI e dai contenuti dell’Art. 42 comma 2 (responsabilità penale dell’imprenditore) rischiano di compromettere la continuità nell’erogazione dei servizi. Abbiamo trovato un’interlocuzione attenta che ci fa ben sperare per la gestione di queste problematiche e in un coinvolgimento delle parti sociali per gestire al meglio questa Fase 2 dell’emergenza sanitaria”

I lavoratori di Formula Ambiente donano al Comune di Chieti 5.648,11 euro per l’emergenza Covid-19

Sindaco Di Primio “Un gesto di grande generosità in questo momento così difficile per tutta la comunità”

“Desidero ringraziare di cuore i lavoratori di Chieti dell’azienda Formula Ambiente, gestore del servizio di Igiene Urbana, che, in questo momento di grande difficoltà, hanno voluto organizzare una raccolta fondi per l’emergenza sanitaria, destinando parte della loro retribuzione economica – ben 457 ore lavorative – al conto corrente bancario istituito dal Comune di Chieti per l’emergenza Covid- 19”. È il commento del Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, a margine dell’iniziativa di solidarietà organizzata dai lavoratori dell’Azienda Formula Ambiente per la città di Chieti.
La donazione, pari a 5.648,11 euro, sarà destinata agli aiuti per le famiglie residenti a Chieti che sono in situazione di bisogno.

«Un piccolo gesto – spiegano il direttivo CRAL e le Sigle Sindacali – che regalerà un momento di gioia a famiglie in difficoltà».
«È un grande contributo, in realtà, quello fatto dai lavoratori di Formula Ambiente – commenta il Sindaco Di Primio –. Un atto di grande generosità che dimostra il senso di appartenenza alla nostra comunità e uno spiccato senso di solidarietà. La preziosa donazione e lo straordinario lavoro
fatto soprattutto in questa emergenza epidemiologica, mi riferisco, in particolare, alla raccolta dei rifiuti presso le abitazioni dei nostri concittadini contagiati o in quarantena, mi portano, ancora una
volta, ad esprime i sensi di profonda gratitudine al direttivo Cral, alle sigle sindacali e ad ognuno dei lavoratori dell’azienda Formula Ambiente di Chieti».