Formula Ambiente presenta i dati del bilancio 2018

il Consorzio si conferma protagonista nazionale della green economy

Cesenatico (23/5/2019): Sono stati presentati oggi, al Grand Hotel di Cesenatico, i dai del 2018 del Consorzio Formula Ambiente che confermano il trend positivo di crescita degli ultimi anni: il fatturato passa da 93 milioni del 2017 ai 103 del 2018, con un incremento dell’11% e un utile di 41 mila euro.

Dati incoraggianti stabili, quindi, e una crescita di fatturato anche dovuta all’acquisizione di nuovi servizi di raccolta e trasporto rifiuti urbani in Sardegna e nelle province venete di Padova e Rovigo.

I dati emersi dal bilancio 2018 confermano non solo la buona salute dei conti ma ritraggono anche un’azienda che investe (nel corso del 2018 sono stati fatti investimenti per 4 milioni di euro). Nella convinzione che solo un’impresa efficiente può creare valore e posizionarsi sul mercato, il disegno strategico perseguito è la volontà di accrescere la componente imprenditoriale dove tutta l’organizzazione si senta coinvolta. Consorzio Formula Ambiente è una grande cooperativa (sono infatti 1045 gli occupati, + 6,5% rispetto all’anno precedente) che presta servizio anche avvalendosi del lavoro delle cooperative aderenti al Consorzio (22 milioni di euro, + 22,50% rispetto all’anno precedente).

L’assemblea, aperta da un commosso ricordo di Guglielmo Russo, presidente di Legacoop Romagna recentemente scomparso e cui è stato dedicato un minuto di silenzio, ha visto tra i presenti al tavolo Andrea Cuni (direttore amministrativo), Giorgia Angeloni (responsabile legale), Ivan Casadei (presidente), Matteo Marchi (responsabile territoriale di Legacoop Romagna) e Marcello Rosetti (direttore). Il bilancio è stato approvato all’unanimità.

“Formula Ambiente – ha dichiarato Casadei – presenta oggi un bilancio in pareggio che consente di fare degli accantonamenti, una pratica fondamentale per mettere in sicurezza l’azienda in tempi di incertezza per chi lavora con le pubbliche amministrazioni. I dati positivi ci impongono accuratezza e l’azienda è solida e non teme le sfide del futuro”.

“Abbiamo aumentato il fatturato di più del 10% rispetto all’anno precedente – ha dichiarato Rosetti – e questo è in parte dovuto ai nuovi cantieri in Sardegna e Veneto, in parte però anche a una maggiore efficienza dei diversi settori: ciascuno infatti riporta piccole o grandi crescite. È questo che mi rende orgoglioso, che non ci sono settori in difficoltà ma che tutti concorrono alla crescita. Uno scenario positivo che è stato premiato da Cerved, l’importante agenzia di informazioni commerciali, che ci ha alzato il rating da B2.1 a B1.2 e un altro riconoscimento è arrivato da Cisa Ambiente che mi ha eletto presidente anche perché riconosce nel Consorzio una realtà solida e sana”.

“Fra le coop sociali del Consorzio – ha affermato Luana Grilli, di Coop il Madorlo – abbiamo 956 operatori. Un dato importante soprattutto se si considera che di questi, 347 sono persone svantaggiate, persone quindi che difficilmente sarebbero attive nel mondo del lavoro senza una struttura che le protegga. Esattamente questo è il ruolo della cooperative sociali”.

Mario Mazzotti, in conclusione, ha ricordato l’amico e presidente di Legacoop Romagna Guglielmo Russo. Ha inoltre affermato che l’anno concluso è stato complicato sotto vari aspetti e che i dati positivi del Consorzio valgono quindi ancora di più e che sono stati ottenuti grazie al duro lavoro di chi opera in azienda e grazie alla capacità di innovazione, che in ambiti come quello ambientale, è dato fondamentale.

A Maracalagonis: buone notizie sul fronte dell’ambiente.

A Maracalagonis differenziata a +10%, incontri per sensibilizzare la cittadinanza e nuovi ecocentri

Maracalagonis (Cagliari, 9/2/2018): Sono positive e incoraggianti le notizie sul fronte ambientale che riguardano il Comune di Maracalagonis: nel 2017 la raccolta differenziata è aumentata del 10% rispetto l’anno precedente, sono in programma incontri informativi con la cittadinanza e sono state individuate nuove aree dove creare ecocentri per la raccolta dei rifiuti.

È un bilancio positivo quello della raccolta differenziata nel comune di Maracalagonis, passato dal 64% di differenziato del 2016 al 74% del 2017. Un risultato che consente di destinare 77 tonnellate di rifiuti in meno agli inceneritori con conseguente miglioramento della qualità della vita di tutti.

“Siamo orgogliosi di questo risultato – ha affermato Mario Fadda, sindaco di Maracalagonis – che ci conferma la bontà del nostro percorso. Siamo consapevoli che il porta a porta richieda uno sforzo in più ai nostri concittadini però i risultati arrivano e vanno celebrati: questa sensibile diminuzione di rifiuti da conferire in discarica consentirà di abbassare la tassa sui rifiuti. Siamo un comune sensibile al tema ambientale e ci sta a cuore il decoro della città. Con il porta a porta, infatti, abbiamo aumentato la percentuale di differenziata e allo stesso tempo abbiamo fatto sparire i cassonetti dalle nostre strade. Di questi risultati voglio ringraziare i miei concittadini”.

“Nel 2017 – dichiara Giampiero Pau, della ditta Formula Ambiente incaricata della raccolta a Maracalagonis – abbiamo raccolto 1000 tonnellate di organico, 354 tonnellate di vetro e lattine, 260 tonnellate di carta e cartone, e 777 tonnellate di indifferenziata. Un risultato che conferma l’efficienza del sistema di raccolta e mi dà la possibilità di ringraziare pubblicamente gli operai e i lavoratori di Formula Ambiente che hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato”.

Nel corso dei prossimi mesi saranno organizzati diversi incontri con la cittadinanza per informare sul corretto conferimento dei rifiuti: in primavera si terranno delle giornate con gli studenti delle scuole di Maracalagonis (sono in corso gli accordi per individuare date disponibili) e con la cittadinanza che si terranno a Torre delle Stelle.

Infine Fadda ha ricordato che l’ecocentro di Torre delle Stelle è in fase di restyling che terminerà entro il mese di maggio mentre a Cuccuru e Uga è stata individuata un’area per la quale si sta predisponendo la progettazione: 7.000 metri quadri di superficie complessiva di cui la metà dedicata a ecocentro comunale (realizzato da Formula Ambiente e che resterà di proprietà del Comune), l’altra metà destinata al cantiere operativo (rimessaggio, spogliatoi, lavaggio mezzi ecc) di proprietà del Consorzio Formula Ambiente. Di entrambe le aree l’urbanizzazione sarà a completo carico di Formula Ambiente.

È online il nuovo sito di Formula Ambiente

In queste settimane abbiamo rinnovato il sito per formirvi migliore navigabilità ed entrare più facilmente in contatto con l’azienda e con le diverse aree in cui operiamo.